Italia (1872-1913)
TESCHIO DA CROCIFISSO "MEMENTO MORI" IN BRONZO FINE 800
Prezzo: venduto - cod. nr. 24423
Esempio di crocifisso con il teschio "memento mori"

Teschio in bronzo risalente probabilmente a fine '800 o primi del '900, con le lunghe tibie incrociate che veniva di solito applicato alla base dei crocifissi (vedi esempio a lato) con la funzione di ricordare il "memento mori". Il teschio misura 40 mm x 20 mm.


Memento mori (letteralmente: "Ricordati che devi morire") è una nota locuzione in lingua latina.
La frase trae origine da una particolare usanza tipica dell'antica Roma: quando un generale rientrava nella città dopo un trionfo bellico e sfilando nelle strade raccoglieva gli onori che gli venivano tributati dalla folla, correva il rischio di essere sopraffatto dalla superbia e dalle manie di grandezza. Per evitare che ciò accadesse qualcuno, alle sue spalle, gli pronunciava la frase: «Respice post te. Hominem te memento» ("Guarda dietro a te. Ricordati che sei un uomo").

Il memento mori diventa poi popolare nella pittura cristiana della Controriforma nell'ambito della natura morta. L'esempio più tipico è quello di un teschio posizionato accanto a fiori o frutta. Diviene inoltre il motto dei monaci trappisti.

 

   

 19-3-2020