Germania (1919-1945)
LOTTO CON ATTESTATO FIRMATO GENERALLEUTNANT SCHEDE 1941 E CROCE DI FERRO DI 2.CLASSE CON BUSTINA
Prezzo: Euro 300,00 (attestato+croce) - cod. nr. 25802
L'attestato di conferimento della Croce di Ferro di 2.Classe firmato dal Generalleutnant Wolf Schede
Il generalleutnant Wolf Schede , comandante della 96.Infanterie Division
L'emblema della 96.Infanterie Division
Raro attestato per il conferimento della Croce di Ferro di 2.Classe, firmato dal Generaleutnant Wolf Shede, comandante della 96.Infanterie Division.
L'attestato, il cui destinatario era  il Gefreiten Karl Weber, in forza alla Stab (Compagnia Comando) del J.R. 287, è stato firmato il 3 Novembre 1941 "im Osten" (Sul fronte orientale ) quando la divisione stava combattendo sull'estuario del fiume Tosna a sud del lago Ladoga e sul bacino del Volkhov vicino a Mostki .

L'attestato e' accompagnato da un bellissimo esemplare originale della Croce di Ferro  di 2.Classe non marcata ma sicuramente prodotta dal fabbricante "Walter & Henlein" di Gablonz che marcava le sue croci con il punzone "109" di LDO. Queste croci non sono facilmente reperibili oggi sul mercato collezionistico. La croce è magnetica come si può facilmente constatare avvicinandola ad una calamita.  
Misura i regolamentari 44 mm. di di larghezza e pesa 20,30 grammi compreso il nastro (circa 3 grammi).

Wolf Schede   nacque il 5 luglio 1888 a Perleberg, nel Brandeburgo. Si arruolò nell'esercito prussiano il 14 luglio 1906 come Fähnenjunker (Allievo). Dopo aver frequentato la
scuola militare, fu promosso tenente il 18 novembre 1907.

Durante la mobilitazione per la prima guerra mondiale, fu nominato aiutante di campo del 2 °
battaglione del 2 ° reggimento di granatieri Badisches "Kaiser Wilhelm I". No. 110.   Fu promosso primo tenente l'8 novembre 1914. Nello stesso mese fu trasferito al Reggimento di fanteria di riserva n. 250 come comandante dicompagnia. Nel maggio 1917 fu nominato comandante di compagnia del 2° reggimento granatieri di Baden"Kaiser Wilhelm I". No. 110. Dal novembre 1917 fu allora comandante del 2° Battaglione del 2° Reggimento Badisches Grenadier "Kaiser Wilhelm I". Nr. 110.


Durante la prima guerra mondiale fu ferito tre volte, per cui fu insignito del distintivo di ferita argento. Oltre alla Croce di Cavaliere dell'Ordine Reale
Prussiano di Hohenzollern con spade e due croci di ferro, ricevette anche altre decorazioni.


Con la formazione dell'esercito di 100.000 uomini della Reichswehr, fu poi assunto come comandante
di compagnia nel 14° (Bad.) Reggimento di fanteria. Come tale, fu promosso maggiore il 1 novembre 1928. Promosso tenente colonnello il1 aprile 1933 e il 1 ottobre 1933 fu trasferito allo stato maggiore del reggimento del 9°
reggimento di fanteria (prussiano), sempre a Potsdam.
Quando il Reichswehr fu ampliato per trasformarsi nella Wehrmacht, fu nominato comandante del reggimento di fanteria di Flensburg il 1 ottobre 1934. Come tale, fu promosso colonnello il 1 aprile 1935 e nominato comandante del 26° reggimento di fanteria a Flensburg il 15 ottobre 1935. Come tale, è stato promosso a Generalmajor il 1 giugno 1938.


Durante la mobilitazione per la
seconda guerra mondiale, fu nominato comandante della sezione 15 della guardia di frontiera nell'estate del 1939. In questo ruolo fu impiegato all'inizio della guerra nella campagna polacca. Il 1° novembre 1939 fu nominato comandante della nuova 521.divisione di fanteria nella Prussia orientale. Il 7 gennaio 1940 fu nominato comandante della 209 divisione di fanteria. Continuò anche a guidarla come forza di occupazione in Polonia. Il 1 luglio
1940 fu promosso Generalleutnant. Il 1 agosto 1940 fu nominato comandante della 96.divisione di fanteria. Dalla primavera del 1941 lui e la sua divisione servirono come forza di occupazione nel nord della Francia. Dall'estate del 1941
guidò poi la sua divisione nella campagna orientale nell'attacco alla Russiasettentrionale. Nell'aprile 1942 affidò il comando della 96a divisione di fanteria al colonnello Joachim Freiherr von Schleinitz.
Fu quindi trasferito alla Führerreserve. Il 1 luglio 1942 fu nominato comandante della Divisione n. 151. Alla fine di settembre 1942 fu nominato comandante della 151a Divisione di Riserva. Il 1 aprile 1944 fu nominato comandante della divisione n. 461 a Bialystok. Mantenne il comando fino alla primavera del 1945. Quando la Wehrmacht tedesca si arrese nel maggio 1945, fu fatto prigioniero dagli Alleati.  Fu liberato dalla prigionia nel febbraio 1947


La 96.Infanterie Divisiom fu istituita il 25 settembre 1939 nell'area di addestramento militare di Bergen vicino a Celle. Dopo l'istituzione, la divisione si trasferì nell'Alto Reno a dicembre per proteggere il confine occidentale tedesco. Dal 10 maggio, la divisione prese parte alla campagna occidentale. Attraversò le Ardenne e avanzò attraverso Sedan fino a Laon. Qui la divisione si diresse a sud e marciò attraverso Chemin des Dames, la Marna e la Loira fino a Bourges. La divisione era in congedo tra agosto 1940 e febbraio 1941.


Dal luglio 1941 partecipò alla campagna di Russia. La divisione marciò attraverso Vilna, Disna e Opotschka nell'area a ovest del lago Ilmen. I combattimenti sul Luga seguirono ad agosto. A settembre la divisione avanzò attraverso l'Ishora fino alla Neva prima di Leningrado. Nel 1942 la divisione fu ridotta a sei battaglioni. Dall'ottobre 1941 al febbraio 1942 ci furono combattimenti tra Schliisselburg e l'estuario di Tosna a sud del lago Ladoga e nel bacino di Volkhov vicino a Mostki. Poi la divisione fu utilizzata nel 1942 a Maluska, Pogostje, Winjagolowo e Konduja. Dal dicembre 1942 al febbraio 1943 la divisione fu schierata nella battaglia invernale nel "collo di bottiglia" tra Schluesselburg e Mga, sulla sponda sud del Lago Ladoga, sulla Neva, sulle alture di Ssinjawino e sul bacino di Popostje Volkhov e sul Tigoda .
Nel gennaio 1944, la divisione fu trasferita in Ucraina e utilizzata nell'area di Shepetovka-Starkonstantinov. Da marzo a dicembre seguirono combattimenti di ritirata nel bacino di Hube a sud. Dopo lo sfondamento a ovest di Kamenets-Podolsk, la divisione fu rinnovata nel giugno 1944.  Seguirono battaglie di ritirata con pesanti perdite attraverso Skala nell'area di Tarnopol e battaglie
difensive sulla pista Tarnopol-Lemberg. Entro la fine dell'anno la divisione si ritirò nei
Piccoli Beschidi a sud-est di Tarnow attraverso l'area a sud di Lemberg e via Sanok. Nel gennaio 1945 la divisione si trasferì in Ungheria e prese parte all'avanzata ad ovest del Gran Estuario a sud. Seguirono battaglie difensive a sud del Danubio, nell'area di Tata-Tarjan-Bajna-Sarisap-Coslnok, dove la divisione venne circondata.
Dopo essere uscita dalla sacca di Noden nel marzo 1945, la divisione marciò attraverso il Danubio e poi a ovest nell'area di Pressburg. La ritirata continuò a nord, oltre Vienna, nella Bassa Austria, nel Waldviertel e nell'area di Freistadt, dove la divisione fu catturata dagli americani alla fine della guerra. Parte dei membri della divisione furono quindi estradate nell'Armata Rossa.
 


8-4-2020
e