Italia (1872-1913)
SPARTITO ORIGINALE DELLA CANZONE "'A PARTENZA P' 'A CINA" SPEDITA DA NA POLI IL 5 AGOSTO 1900
Prezzo: venduto - cod. nr. 25424
Esemplare in eccezionali condizioni di conservazione dello spartito originale (copiella) della canzone
" 'A partenza p' 'a Cina" scritta da D.Del Gaizo con la musica di L. Fragna, per le Casa Editrice L.Fragna di Napoli e il giornale "Il cannone". La canzone era dedicata "AI VALOROSI PARTENTI", cioè i bersaglieri che stavano imbarcandosi per la Cina con il Corpo di Spedizione Internazionale per la difesa delle legazioni straniere a Tien-Tsin nella primavera del 1900 per rimanervi fino alla conclusione delle ostilita' nel novembre 1901, durante la cosiddetta "Rivolta dei Boxers".

Sul frontespizio dello spartito che misura 27 cm x 18,5 cm. c'è la vignetta della pagina musicale del giornale "Il Cannone" che veniva allegata settimanalmente al giornale. Lo spartito è stato spedito per posta il 5 agosto 1900 come una normale lettera con applicato un francobollo vidimato con il
timbro dell'uffico postale di Napoli.

Non a caso le immagini sono dedicate ai bersaglieri che rappresentavano la parte più numerosa del contingente italiano ed erano rappresentati dal un battaglione bersaglieri "Estremo Oriente", comandato dal maggiore Luigi Agliardi del 5º Reggimento Bersaglieri di Roma, composto da quattro compagnie, una fornita dai reggimenti 5º e 9º (di stanza rispettivamente a Roma e a Livorno), sulla quale poggerà lo Stato Maggiore del Corpo, una dai reggimenti 8º e 1º (di stanza a Napoli e a Palermo), una dai reggimenti 4º e 11º (di stanza a Bologna e ad Ancona) e una dai reggimenti 2º e 6º (di stanza a Milano e a Verona).
Nel 1899, in risposta allo strapotere acquisito negli ultimi anni dalle rappresentanze straniere sul suolo cinese, alcune associazioni patriottiche tra le quali quella dei "Boxer" (cosi' chiamati dal pugno che era il loro simbolo) si rivoltarono contro gli occidentali uccidendo numerosi missionari e civili, portando via le donne bianche e distruggendo le proprieta' degli europei. Le potenze occidentali decisero di intervenire per proteggere i propri cittadine e le proprieta' ma soprattutto i loro traffici commerciali con la Cina.
Alla fine di maggio del 1900 le navi di Inghilterra, Italia e Stati Uniti erano alla fonda a Taku, il porto piu' vicino a Pechino e un contingente armato composto da francesi, tedeschi, austriaci, russi e giapponesi era in marcia verso la Cina. In giugno il governo cinese invio' le proprie truppe in supporto dei boxers contro gli invasori stranieri. Allargandosi cosi' il conflitto vennero immediatamente inviati rinforzi da parte degli occidentali cosi' che alla fine di ottobre la rivolta fu soffocata e nel marzo del 1901 le flotte lasciarono la Cina. Tutti i partecipanti all'impresa ricevettero dai loro rispettivi paesi una medaglia commemorativa oggi estremamente rara.  

29-3-2021